Enzo Mari

news-incontro-mari_foto_1

Progetti possibili

Era il 1980 quando Aurelio Zanotta si recò da Enzo Mari con un chiodo da rocciatore del sesto grado, di quelli che sfruttano le fessure nella parete di pietra per fare da sostegno al corpo dello scalatore. Fu l’inizio del progetto di Tonietta, la sedia con cui Zanotta conquistò il Compasso d’oro nel 1987. Ce ne parla l’ideatore, l’architetto Enzo Mari.

D. Cosa sta alla base dei suoi progetti? 
R. Farò un esempio. In quegli stessi anni, anche Cesare Cassina stava ragionando sull’idea del chiodo da roccia (egli stesso appassionato di montagna). Aveva pensato di farli produrre in alluminio forgiato, molto compresso e dunque robusto. Dallo spunto di Aurelio io invece pensai di far fare le gambe della sedia in alluminio pressofuso a spessori differenziati, le due davanti più sottili e leggermente ricurve. Per arrivare allo spessore giusto e al disegno definitivo ci misi cinque anni. Fondamentale l’aiuto di Penati (allora a capo dell’Ufficio tecnico Zanotta), con cui arrivammo a definire ogni dettaglio per far funzionare la Tonietta a pennello. Non sopporto i progetti che nascono in una mattina, così come non tollero chi arriva e ti chiede per il giorno dopo un’idea… Ci vuole pensiero, ricerca, lavoro per arrivare a disegnare e realizzare un prodotto. Le uniche ragioni possibili per progettare nascono dal comunicare in modo chiaro una forma e la sedia è la forma più semplice da cui partire. Quattro gambe, un sedile e uno schienale. L’arco pulito della Tonietta, le gambe sottili e robuste. Il sistema di assemblaggio che ricorda quello delle storiche Thonet. Lo sforzo è di avere il massimo di resistenza col minimo impiego di materia.

D. Dopo la Tonietta, lei ha disegnato molti altri mobili e complementi per Zanotta, tutti di grande pulizia formale, funzionalità e impianto tecnologico avanzato. Quale ricorda con più soddisfazione? 
R. Li ricordo tutti. Il tavolino Ambo, coi piani di cristallo che in realtà sono due tavolini, uno basso e uno alto, che si incastrano a piacere. Il tavolo Dongiovanni, dove le gambe sono congiunte al piano da uno speciale giunto a stella disegnato dal sottoscritto. E poi la sedia Marina, l’appendiabiti Museo, il tavolo Fonte, gli imbottiti Daniele. Non amo fare prodotti per il mercato, mi piace pensare alla bellezza formale e a come renderla possibile razionalizzando la produzione.

D. A quale pubblico pensa quando inventa un mobile? 
R. Su quaranta milioni di potenziali acquirenti di arredamento in Italia, credo siano davvero pochi a poter avvicinare oggi il design. E non è solo questione di quoziente d’intelligenza… Il primo approccio dovrebbe essere economico, e l’economia porta all’essenziale. L’ideale per me è il modo di procedere della cultura greca classica. Più che ai bisogni, voglio puntare a difendere il diritto di pensare.


(intervista a Enzo Mari per il magazine online Zanotta Happenings, 2006)


(nota: i prodotti Ambo, Dongiovanni, Marina, Fonte, Daniele citati nell'articolo non sono più in produzione)