Piero Bottoni

zanotta_news-dedicato_Bottoni_foto_1

Architetto, urbanista, designer, esperto di allestimenti e restauro, Piero Bottoni è tra i grandi protagonisti del Razionalismo. Come progettista su scala urbana e territoriale resta famoso come uno degli autori di due piani che hanno segnato la storia dell’urbanistica italiana: il Piano della Val d’Aosta, promosso da Adriano Olivetti nel ‘36 e il Piano A.R. (Architetti Riuniti) del ‘44-45.
Tutta la sua opera è parte integrante dell’origine dell’architettura e del design moderni. Lo dimostrano, come preziosi camei, i mobili disegnati da Bottoni tra gli anni Venti e Trenta: sedute e tavoli con uno spirito molto vicino alla Bauhaus (tipico l’uso del tubo d’acciaio curvato). Primo fra tutti, il tavolo scrivania Comacina progettato nel 1930, messo in produzione da Zanotta nel 1989 secondo una tradizione cara all'azienda di rieditare pezzi storici del design d’autore. La struttura in tubo accoglie su un lato la modernissima cassettiera sospesa, disegno che fu caro a Bottoni e ripreso in arredi per case e studi professionali nella Milano dove fu anche consigliere comunale dal ’56 al ’64. Già nel ’68 Zanotta aveva rieditato la poltroncina Lira ideata da Bottoni nel 1920.
Nel 2016, in occasione del Salone del Mobile, grazie ai disegni originali conservati presso il Politecnico di Milano e messi a disposizione dall'Archivio Bottoni, Zanotta ricostruisce e mette in produzione Fenice, il primo tavolo moderno a gamba centrale, disegnato da Piero Bottoni nel 1936, vent'anni prima dell’apparizione di tavoli con un supporto simile nei cataloghi di arredamento. Il designer fece costruire la prima versione di questo tavolo in cemento armato gettato in opera, saldamente ancorato al pavimento della sala da pranzo di Villa Muggia a Imola. Benché la villa sia stata bombardata durante la seconda guerra mondiale e sia oggi in rovina, il tavolo, vero cuore della casa, è ancora al suo posto, a testimoniare come certe opere di avanguardia siano capaci di sfidare il tempo.


(note: il prodotto Lira citato nell'articolo non è più in produzione)