Gilda

Design Omaggio a Carlo Mollino - 1954

Poltrona. Struttura in frassino tinto rovere oppure tinto noce Canaletto. Ferramenta in ottone bronzato. Seduta regolabile su quattro posizioni. Imbottitura in poliuretano/fibra poliestere termo legata con molleggio su spirali d’acciaio. Rivestimento sfilabile in stoffa o pelle.

zanotta_888-gilda_gallery_1_preview(0)
zanotta_888-gilda_gallery_3_preview
zanotta_888-gilda_gallery_2_preview
zanotta_888-gilda_gallery_5_preview
View All
View less

Dal design al prodotto

È davvero un bell’omaggio questa attenta ricostruzione filologica che Zanotta ha realizzato della poltrona Gilda, che sembra superare per qualità costruttive le possibilità (e forse le opportunità economiche) che lo stesso Carlo Mollino aveva praticato nel 1953, quando alle prese con l’arredamento di casa Pomella aveva disegnato due poltrone gemelle con schienale reclinabile, contraddistinte da una struttura di legno massello sagomato e scolpito, con due elementi imbottiti per sedile e schienale, entrambi conformati tra scelte linguistiche ed ergonomiche, e con sistemi di fissaggio e regolazione di ottone. 

zanotta_888-gilda_plus_1
zanotta_888-gilda_plus_2
Oggi il dettaglio “in più”, reso possibile soprattutto dal desiderio di sottolineare fino in fondo la lezione del maestro, è l’elemento bracciolo/gamba posteriore costruito virtuosamente in un pezzo unico (e non più giuntato come nell’originale realizzato dai pur bravissimi artigiani di Mollino), soluzione che regala un’ulteriore bellezza scultorea a quest’oggetto, onorandolo di ulteriore pregio.