Cavour

Design Omaggio a Carlo Mollino - 1949

Tavolo scrivania. Piano in cristallo. Struttura in rovere naturale o tinto nero. Cassettiera e vano portaoggetti in rovere naturale o tinto nero con parti laccate lucide, colore nero.

zanotta_2690_cavour_gallery_3_preview
zanotta_2690_cavour_gallery_1_preview(0)
zanotta_2690_cavour_gallery_2_preview

Dal design al prodotto

Chissà cosa sarebbe stato capace di fare oggi Carlo Mollino, tra fibre di carbonio o altri materiali compositi, se usando solo legno massello e bravi artigiani è stato capace negli anni Cinquanta di inventare queste strutture così slanciate, asciutte e snelle, che hanno eguali solo nelle costruzioni coeve di Franco Albini, e nei puntoni alleggeriti della sua libreria Veliero? Forme articolate e complesse, che una volta comprese stupiscono per l’intelligenza costruttiva di un meccanismo perfetto dove ogni elemento si incastra, abbina, gemella con precisione ad altri, attraverso puntuali (e progettati ad hoc) sistemi metallici di unione. Veri e propri capolavori, come il tavolo Reale, risolto da un’ossatura compatta e trasparente ancor più valorizzata da un piano di cristallo che sembra volerla incorniciare, o come la scrivania Cavour, dove la struttura asimmetrica è bilanciata dalla presenza di una cassettiera e di un vano portaoggetti che concludono le necessità funzionali di un pezzo dal profilo così ardito.

zanotta_2690_cavour_plus_1