Leonardo

Design Achille Castiglioni - 1969

Tavolo da lavoro. Struttura in faggio evaporato, colore naturale. Piano placcato in laminato colore bianco, oppure in cristallo temperato. Regolabile in altezza.

zanotta_2650_leonardo_gallery_3_preview
zanotta_2650_leonardo_gallery_1_preview
zanotta_2650_leonardo_gallery_2_preview

L’essenzialità

Leonardo è un tavolo “di memoria”. E’ l’archetipo della tipologia dei tavoli da lavoro su cavalletti. Il suo progetto rispecchia fedelmente il pensiero del suo progettista secondo il quale “il design è sempre esistito e gli oggetti migliori sono quelli non firmati dagli architetti”. In questo prodotto si trovano condensati anche tutti gli elementi  della filosofia produttiva di Zanotta: l’essenzialità, la semplicità, la praticità, la massima qualità dei materiali, l’eccellenza della lavorazione, l’attenzione ai dettagli.

zanotta_2650_leonardo_plus_1
zanotta_2650_leonardo_plus_2
Devono essere stati i discorsi e i ragionamenti, e le scorribande e i divertimenti, quelli tra Cici e Popo (Achille e Pier Giacomo Castiglioni), con la regia e le imbeccate colte di chi aveva occhi sensibili sul mondo come Michelino (Provinciali), a far innamorare anche l’Aurelio (Zanotta) dell’idea di ripartire dal cavalletto per il tavolo da lavoro. Coniugandolo con alcuni dettagli costruttivi tipici del banco da falegname, per originare una perfezione di alta ebanisteria che sembra essere qui da tempo immemorabile, ma che solo grazie a loro – quei “fantastici quattro”, immersi nell’energia di quegli anni, pieni di speranze e di futuro – è nata (leggi è stata distillata) “finalmente” nel XX secolo, e da allora è pronta a rimanere immutabile per altri venti secoli: anni in cui Leonardo e Bramante, come tavoli, e Merlino, come leggio, potranno esprimere una bellezza costruttiva che si mostra orgogliosa, e certezze funzionali che parlano con semplicità.