Arabesco

Design Omaggio a Carlo Mollino - 1949

Tavolino. Struttura in multistrati di rovere naturale. Piani in cristallo temperato.

zanotta_697-arabesco_gallery_1_preview
zanotta_697-arabesco_gallery_3_preview
zanotta_697-arabesco_gallery_2_preview(1)
zanotta_697-arabesco_gallery_4_preview

Un gioiello costruttivo

Un gioiello costruttivo in forma di oggetto inusitato. Dei tavolini che abbiamo sempre visto nell’Arabesco non rimane nulla, le gambe e i piani tradizionali sono spariti. Qui la struttura diventa sostanza: un foglio di compensato si flette libero nello spazio, in un gioco di curve e contro-curve che contribuiscono a irrigidirlo. I punti di appoggio a terra sono precisi, definiti ora con puntali di ottone, ora con le forme del compensato stesso rese affusolate. 

zanotta_697-arabesco_plus_1
zanotta_697-arabesco_plus_2
I fori che scarnificano la struttura lignea sono di alleggerimento visivo oltre che di sfida costruttiva, mentre la loro linea fluida impedisce l’innescarsi di eventuali fessurazioni. I piani di cristallo, dalle forme che alluduno ad altri mondi, collaborano costruttivamente alla tenuta del sistema, fungendo da tiranti che impediscono al tavolino di spanciarsi sotto carico. Carlo Mollino ingegnere honoris causa.